GDR – PLAY BY FORUM

Notifiche
Cancella tutti

I clan e i rispettivi Cartel

murasaki
(@murasaki)
Membro Admin

Los Filhos de Brujah
Si tratta di una banda di vampiri motociclisti, formatasi negli anni 40, con al seguito anche alcuni ghoul e qualche manciata di bambole di sangue; dei mostri luridi, estremamente incazzati e privi di scrupoli che al calar delle Tenebre erano in grado di portare l’inferno in terra.
Tutto questo potrà anche sembrare ridicolo a coloro che non hanno mai visto i Filhos in azione, ma Non si tratta della brutta copia degli Hell’s Angels. Questi individui sono invece più simili a locuste, parassiti che odiano tutto ciò che hanno attorno e non hanno alcun rispetto per la nozione di dominio o per le Tradizioni dei Fratelli.

La banda si formò attorno alla figura del bastardissimo punk di nome Carlos Saavedra. Cresciuto durante la Grande Depressione, Saavedra era un orfano povero e scansafatiche che si divertiva compiendo crimini meschini e crudeltà sugli animali, con un sempre crescente amore per la violenza. Non importava quanti dei suoi amici venissero malmenati o sbattuti nel carcere giovanile per aver dato ascolto ai suoi illeciti capricci, perché Carlos non si faceva mai acciuffare o arrestare, e nemmeno si riusciva mai ad accusarlo delle cose che aveva fatto.

Questa strepitosa fortuna gli fece guadagnare il soprannome di Hijo de Bruja (“figlio della strega”).

Ma la sua capacità di restare fuori dai guai non poteva durare per sempre, e poco dopo il suo arruolamento nell’esercito, col quale avrebbe dovuto partire per la guerra, venne espulso con infamia per ubriachezza e incompetenza. Fu quindi rimandato a casa in disgrazia, ed entrò nella banda di motociclisti dei Booze Fighters (“Guerrieri della Bumba”).
Fùusolo qualche anno dopo che Carlos catturò l’attenzione di un iconoclasta Bruja, che divenne ossessionato dall’idea di trasformare Carlos “Bruja” Saavedra in un’arma ubbidiente ma violenta con cui minacciare i nemici nel proprio dominio, come ad esempio un Principe. Il Gangrel Abbracciò quindi Carlos è cercò di indirizzarlo verso la sua causa, solo per scoprire infine che al suo infante non fregava un cazzo di tutto questo. El Bruja considerò la sua condizione maledetta come la semplice acquisizione di un nuovo grande potere, e tornò immediatamente alla sua banda per “farne dono” ai suoi sei amici e compici più stretti. I sette si separarono quindi dai Booze Fighters per formare una propria gang, i Filhos des Brujah. Quando il sire di Carlos rintracciò il suo infante fuggiasco e cerco di correggere l’errore, l’intera banda lo assalì, e Carlos in persona di occupò della sua diablerie.

Da allora, la banda è cresciuta lentamente, e peggiorata di continuo. Quella che una volta comprendeva soltanto sette piantagrane i cui crimini peggiori includevano vandalismo, aggressione e disturbo alla quiete pubblica, oggi è diventata una vera e propria organizzazione criminale dall’immensa diffusione.

Essa ricavava i suoi introiti dal traffico di droga, prostituzione, commercio illegale di armi, estorsione, contrabbando, omicidio su commissione e traffico clandestino di immigrati, solo per fornire qualche esempio. Queste attività procurarono ai Filhos clienti e vittime potenziali, ma rischiano anche di suscitare un’indesiderata attenzione da parte delle autorità locali e federali, con possibili gravi ripercussioni a causa di ospiti indesiderati come i Cacciatori o le brecce alla Masquerade.

Caparbi, avidi e indolenti, Los Filhos trovarono in Columbia il territorio perfetto per far attecchire il loro seme maledetto e far fiorire il frutto nel Cartel di Mendellin di Pablo Escobar.

I Filhos non sono allineati e considerano questioni come le sette totali stronzate. Si avvicinano al Clan Lasombra dapprima grazie ai contatti con gli Angeli Neri e i Lasombra del Cartel del Gulfo.

 

Lasombra: Cartel de Sinaloa e Los Negros

Il Cartel de Sinaloa, o Cartel del Pacifico, è gestito dal Clan Lasombra ed è alleato con i Filhos.
Gestisce il traffico di droga colombiano per il Cartel di Medellin, la marijuana messicana e l’eroina messicana e del sud-est asiatico. Sono anche produttori di oppio e marijuana. Alla fine degli anni ottanta la DEA americana credeva che il cartello del pacifico fosse la più grande organizzazione trafficante in droga operante in Messico. A metà degli anni novanta divenne per forza e dimensioni più grande del cartello di Medellín il quale si trovò costretto a firmare l’Accordo Hijos de Puta.
Rivali del Cartello del Golfo gestito da Toreador AT e gli alleati Setiti del Cartello di Tijuana, cercano di dare problemi al Clan della Rosa per il controllo politico ed economico dei territori – e probabilmente all’interno della spada di caino.
La United States Intelligence Community la considera l’organizzazione più forte al mondo nel traffico di droga anche per i suoi traffici di droga che si estendono su tutti e 5 i continenti.

Los Negros sono la forza armata del Cartel di Sinaloa per contrastare il Cartel del Golfo. Per effettuare omicidi su commissione e altre attività illegali, i Los Negros si affidano saltuariamente a bande criminali come la Eme e Mara Salvatrucha. Inizialmente Los Negros furono assoldati per contrastare la forza bellica dei Los Zetas del Cartel del Golfo, ma successivamente i Lasombra hanno fatto in modo che i Los Zetas lasciassero gli alleati per diventare una comoda arma di Sinaloa.

 

Lasombra e Ventrue AT: Caballeros Templarios
Rappresentano il potere dell’Ecclesiae Sabbat di Lasombra e Ventrue At che ha sede nel Michoacán in Messico. Il nome di questo gruppo fa riferimento all’Ordine Militare dei Poveri Cavalieri di Cristo e del Tempio di Salomone (Pauperes commilitones Christi templique Salomonis), fondato a Gerusalemme per proteggere i pellegrini che risiedevano nei luoghi sacri alla cristianità durante la Prima Crociata nel 1118.
I templari di questo neo ordine sono identificabili per la loro tradizionale sopravveste bianca, nera, o bigia (con mantello bianco solo per i Cavalieri scelti da un Archbishop), con croce patente rossa, ricamata sul lato sinistro; tale croce è di piccole dimensioni (come ben si evince dalle rappresentazioni dell’epoca) e non di grandi dimensioni sul torace o sulla schiena, come si vede invece in varie rappresentazioni ottocentesche o nella filmografia moderna. Fra i simboli dei templari vi è il beauceant, caratterizzato appunto dalla croce patente rossa in campo bianco e nero.
I Caballeros Templarios sono naturalmente alleati con Sinaloa, ma i loro scopi non sono comprensibili a chi non appartenga all’ordine.
Qualcuno dice che Los Caballeros siano sotto l’occhio attento dell’Inquisizione Sabbat poiché qualcuno all’interno dell’Ordine può essersi imbastardito con il culto di Baphomet.

 

Toreador AT: Cartel del Gulfo

Particolarmente impegnato nel contrabbando d’armi a livello internazionale. È conosciuto per la violenza delle modalità d’azione e di intimidazione, oltre che la collusione con le istituzioni attraverso la corruzione di uomini di legge e classe dirigente sia messicani che americani.
Nel 2003 il cartello del Golfo ingaggiò un’alleanza con i rimanenti membri del cartello di Tijuana appartenente ai Setiti di Linea di Sangue Tlacique nella Baja California.

Qualche tempo dopo che i Setiti reclamassero il loro interesse dopo i favori offerti ai Toreador la questione portò la disputa a degenerare in una faida sanguinosa, provocando la rottura del concordato d’affari e l’invio degli Assamiti Los Zetas per eliminare ciò che rimaneva del cartello di Tijuana. Dopo questa operazione, però, gli Z lasciarono il Cartel del Gulfo e divennero alleati del Cartel di Sinaloa per via di un Offerta migliore da parte del Clan Lasombra.

 

Assamiti: Los Zetas

Los Zetas è una organizzazione criminale originaria del Messico, impegnata nel traffico internazionale di droghe, nei rapimenti a scopo di estorsione e in altre attività illecite sul territorio centroamericano. Dal momento che si occupa principalmente di affari legati agli stupefacenti, per commissione dei Cartel gestiti dai Cainiti più potenti, Los Zetas è considerato prima di tutto un cartello della droga.

Formatasi inizialmente come gruppo paramilitare, i suoi membri originari erano disertori delle forze speciali dell’esercito messicano e Kaibilies del Guatemala, cosa che ha reso i Los Zetas come uno dei più violenti e tatticamente meglio progrediti sul campo. Proprio in visione di queste qualità strategiche, il cartello del Golfo aveva assunto gli Z come propria milizia privata in caso di faide e conflitti. I Los Zetas hanno campi di addestramento per le nuove reclute simili alle strutture militari d’allenamento del GAFE. Nel settembre 2005 la testimonianza al Congresso messicano del Segretario poi-Difesa Clemente Veg, ha riferito che gli Zetas hanno assunto almeno 30 ex Kaibil guatemaltechi per allenare le nuove reclute perché il numero di ex forze speciali messicane uomini nei loro ranghi si era ridotto.

Gli analisti indicano gli Zetas come il più grande gruppo criminale in Messico in termini di presenza geografica. Hanno base principalmente ai confini regionali di Nuova Laredo e Coahuila. Essi hanno posto sentinelle presso destinazioni d’arrivo come aeroporti, stazioni dei bus e strade principali. Per condurre le loro attività criminali lungo i confini, operano nel Golfo del Messico, negli stati meridionali di Tabasco, Yucatán, Quintana Roo, e Chiapas, e negli stati della costa dell’Oceano Pacifico di Guerrero, Oaxaca, e Michoacán e in Città del Messico.
Los Zetas sono uno dei gruppi paramilitari meglio armati di tutta l’area centroamericana. Tra le armi che utilizzano vi sono AK-47, AR-15, mitragliatrici MP5 e calibro 50, lanciagranate, missili terra aria ed elicotteri. Inoltre operano attraverso moderne tecniche di intercettazioni ambientali e telefoniche per organizzare i propri crimini. La gerarchia dei Los Zetas comprende inoltre diverse figure:

 

  • “Los Halcones” (I falchi) controllano le zone sotto il dominio della banda e comunicano via radio eventuali intrusioni
  • “Las Ventanas” (le finestre) ragazzi giovani che in bicicletta o a piedi comunicano ai superiori eventuali movimenti sospetti attorno alle aree di spaccio
  • “Los Mañosos” si occupano del commercio di armi
  • “Los Leopardos” (Leopardi) prostitute e travestiti che recuperano informazioni dai loro clienti
  • “Dirección” (la direzione) composta da circa 20 membri esperti di telecomunicazioni conoscono le informazioni più importanti e partecipano a volte a rapimenti ed omicidi. La struttura dei los Zetas è una struttura a cellula, fatta per garantire che nessuno della direzione sappia tutto quello che succede, in modo da non poter rivelare le informazioni più importanti anche in caso di arresto o tortura.

Los Zetas sono il principale obiettivo dei Cacciatori e la cosa non è del tutto un caso: i Lasombra hanno lasciato che gli Z crescessero proprio per utilizzarli come attrattori delle attenzioni dei Cacciatori, proprio come avevano fatto con i Filhos.

 

Tlacique – El Cartel Tijuano
Il Cartello di Tijuana o Organizzazione Arellano Felix è una organizzazione criminale messicana originaria di Tijuana dedita al narcotraffico. La sua influenza copre la parte nordoccidentale del Messico e gran parte del Venezuela ed è in rivalità con altri due grandi cartelli: il Cartello di Sinaloa nel centro, ed il Cartello del Golfo ad est. Il cartello è stato descritto come “uno dei più grandi e più violenti gruppi criminali messicani”.

Il Cartello di Tijuana è inoltre conosciuto come Organizzazione Arellano Felix (AFO), dal momento in cui arrivò al comando la famiglia di Ramón Eduardo Arellano Félix. Il 18 settembre del 1997, Ramón Arellano Félix divenne il 451° ad essere aggiunto dall’FBI nella lista dei dieci latitanti più ricercati. L’organizzazione ha la reputazione di essere estremamente violenta. Esecuzioni di massa e violenti carneficine non sono rare.

Il Cartel Tijuano è gestito, con altri Cartelli minori, dalla Linea di Sangue Tlacique. I Tlacique sono Dannati assetati di Vendetta contro gli altri Clan Invasori e sono Cainiti nati negli antichi territori Messicani e Sudamericani, i quali vedono quelli giunti con i Conquistadores come loro nemici.

Stiamo perdendo tempo.

Citazione
Topic starter Pubblicato : 31/07/2019 1:09 am
Condividi: