GDR – PLAY BY FORUM

25 - Bienvenidos At...
 

25 - Bienvenidos Atto I "D.A.W.N."  

  RSS
murasaki
(@murasaki)
Member Admin

Ermetic Secs, [5 mar 2020, 22:05:46]:

...Nella puntata precedente

 

[EHILA', Mongoloidi Duemilanoidi!]

 

Una voce sguaiata, occhiali Rayban modello 1979, una Lucky Strike.

Il tipo sembrava esaltato per la situazione.

 

[Comunque... O volete che vi racconti una storia?]

[...Chicos? ]

 

https://youtu.be/KKpGr736Htw

 

-Prologo-

 

Ubar "Regina dell'Incenso" , La prima città

III millennio a.C.

 

Due figure si prendevano per mano camminando, lievemente, come foglie che carezzavano la terra al primo sorgere del mattino.

I loro sguardi si abbracciavano.

Un sorriso che nemmeno l'amor più puro poteva descrivere con la sua voce flebile, immota, senza tempo.

 

Era proprio amore che li guidava in quei passi verso la loro sentenza autoimposta.

 

E mentre i raggi del sole sorgevano dietro alla collina della neonata Ubar, l'antico padre dei dannati giungeva in tal luogo per impedire tale atto orribile, crudele,

incomprensibile alla sua immortale saggezza.

Senza successo.

E qual può essere dolore di un genitore che osserva i propri figli deflagrarsi  e divenir cenere per la lor maledizione di non aver prole?

Quante lagrime di sangue tal giorno Caino l'antico padre bagnò la terra.

 

Le urla del Re si dice fossero strazianti a tal punto che  nubi coprirono l'intera  città,

la terra tremò,

una pioggia incessante colpì l'intera Ubar per tutto il giorno,

e le labbra di Lilith s'incresparono.

 

|| Sumer, Mesopotamia

 

XII secolo a.C.

 

"Fuggi lontano, al nord, perché quando i tuoi fratelli sapranno che non hai condiviso il loro destino, ti odieranno."

La scultrice, figlia della bellezza stessa, ricordava tali parole come se fossero un mantra.

Con la mano teneva quella del suo amato mortale. Con l'altra un libro. Fuggivano.

Ma al di là della fuga, quella figura femminile carezzava il volto del suo amato.

Era forse vero che amore potesse vincere su tutte le cose?

 

"Propizio è adoperare sacrifici,

nel lago ai piedi del monte,

più alto giacciono le cose lievi:

ai piedi del monte,

il saggio istinto deve frenare,

L'ira lavar via.

E unirsi,

spezzare la contemplazione,

con un morso,

senza ira,

solo istinto..."

 

Ishtar poggiava le mani sulle guance di Tammuz, bisbigliando:

"...solo amore".

 

Ma Ereshkigal la fiera fiutò la loro presenza da troppo lontano.

Con la sua brutale virtù riuscì quasi a trucidare il bianco giglio di Caino.

E Tammuz il Toro, innamorato, protesse il proprio fiore con la sua vita.

 

Ishtar non ebbe tempo di poter dar luce al suo dolore.

In mano il libro,

 

Fuggì.

 

Santa FE,

Estate 2013

 

-Osserva questo mondo, Michael. Un mondo di polvere e pallottole-

Esclamava [El Taxista].

 

Michael si accorgeva speditamente del cambio repentino del tono, più americano? No nemmeno.

Da dove cazzo veniva? Quel vecchio se la giocava bene a far lo stronzo.

Il Brujah? Percepiva un senso di calma, d'incanto e timore al contempo.

 

-Un mondo nuovo, porca troia. Ho indovinato? Eh? Vecchio pendejo bavoso del cazzo?-

 

- Mio caro giovane educato Michael, sembri spaventato... - il vecchio s'alzava togliendosi il cappello. Il suo sguardo via via si sbiadiva. Ferma: aveva mai avuto uno sguardo?

- Ma non temere. Non sono tuo nemico, son quì per esortarti a compiere ciò che tu devi.

Verrà un tempo in cui i simboli saranno oggetto di speranza, la polvere e le pallottole non saranno altro che un ricordo primitivo, si antico... si debole.

E tu farai la tua parte dimenticando questa conversazione, almeno...In parte.

 

[₳₦Ⱬł,

₱ɆⱤ ⱤɆ₦ĐɆⱤɆ ₮Ʉ₮₮Ø ₱łù ł₦₮ɆⱤɆ₴₴₳₦₮Ɇ,

Ⱡ₳ Ɽ₳₥₥Ɇ₦₮ɆⱤ₳ł,

QɄ₳₦ĐØ ₮Ʉ₮₮Ø

₳₵₵₳ĐⱤà.]

 

Michael era immobile. Non riusciva a destarsi da quell'apparente immobilità

- S...Si può sapere chi cazzo sei e cosa vuoi da me? Devi...Sì insomma tu devi proprio rompere i coglioni a me? Insomma dai, dimmi, di che cazzo parli?-

 

[El Taxista] spalancava le orbite, un pugno sul tavolo, urlando:

 

- ???????? ????????????????! -

 

L'immagine del vecchio barbuto si squarciava, così come la sua pelle coriacea,

il tempo si disintegrava in mille pezzi che si moltiplicavano ad altri, in un vorticoso frattale d'immagini spezzate, vitree, opache; buio.

 

Gli occhi del Brujah si riaprivano.

 

Santa FE,

Inverno 3054

Durante la simulazione della Gehenna

 

Miller si trovava nel bel mezzo di un salone sotterraneo immenso, lui sospeso per aria. Vi erano dei simboli a "N" color bianco titanio ovunque, sfondo nero pece.

 

Erano tutti abbigliati in maniera stramba, quasi come se fossero sul set di un film di Mad Max starwarsizzato, ancor più Mecha.

Da quel poco che comprendeva il Brujah, sembravano degli spacciatori di droga o criminali di un ipotetico futuro lontano, ma veramente fin troppo lontano.

Vi erano umani con degli impianti meccanici ultra avanzati, dannati che davano l'idea d'essere solo carne da macello, fili luminosi.

Proiezioni olografiche ovunque da puro e mero film Sci-Fi.

 

Vi era una tizia con un cappello da aviatore in testa, sopra ad un palco, tech-armor leggera.

In tutta la folla v'era anche uno strano individuo che pareva fissasse la presenza di Miller, fluttuante.

 

Capelli lunghi. Occhiali neri, scuri.

 

Cappello da cowboy.

 

'Abiti da becchino tech del cazzo', pensava il Brujah scuotendo la testa. Quell'imbecille stringeva un lungo bastone , quasi come se fingesse male di far parte di quella folla con fare eccentrico,

celandosi ma con ben poco successo almeno ai suoi occhi.

Ma le gang non ci facevano caso. Erano attirate dalla presenza della figura femminile.

 

La cosa sconcertante che Miller notava era proprio la presenza di gang criminali più disparate.

Sembrava che vi fosse una rivoluzione in atto contro un sistema o qualcosa.

 

- Vi è una forza che opprime i vostri interessi! Quella forza si sta beando tempo per tempo prendendosi gioco di voi!-

 

La tizia vanificava totalmente la sua armor, la voce chiaramente spagnola tipica delle zone del sud America.

Sul volto andava a crearsi una maschera d'un Dio Azteco, la figura di Huitzilopochtli.

 

Dio della Guerra.

 

Un serpente correva lungo il suo braccio, sputando fuoco. Al posto dei piedi, zampe d'aquila.

In testa e alle sue spalle piume dorate. Dei tentacoli elettrici bloccavano i corpi dei leader, cinque, di ogni macro gang-cartello presente in quel luogo.

 

Il simbolo li aveva attirati in quel luogo? O forse una comunicazione da tempo dispersa nell'etere?

 

Michael non aveva armi per comprendere, era bloccato, fluttuante. Non poteva nemmeno provare a muovere un muscolo. Era curiosissimo della tecnologia di quel contesto. Sbizzarrito.

 

Sembrava che quel luogo fosse un punto di ritrovo dove, per questioni di onore, si fosse trovato un accordo di non conflitto seppur le fazioni fossero tra di loro estremamente rivali.

 

Los Filhos de Brujah a destra il Cartello di Sinaloa, vicini il Cartello del Golfo co El Cartel Tijuano, Los Zetas.

Dopo tutti quegli anni erano ancora là, immortali.

 

La donna teneva in ostaggio i loro leader. Forse per tal motivo l'ascoltavano.

 

-Siete fortuitamente dormienti. Guardatevi. CHI OSEREBBE RUGGIRE CONTRO DI ME? FATEVI AVANTI!-

 

La tizia puntava il dito verso i Filhos poi verso el cartel de Sinaloa. Quelli del golfo, loro rivali storici,  se la ghignavano come risposta a tal dire della donna.

Risultato? Il capo della Gang del Golfo detto "La Rosa Negra" veniva tranciato in due pezzi di fronte a loro dopo aver ricevuto un colpo fotonico all'altezza dello sterno.

Cenere.

Una pistola tremendamente futuristica in mano alla donna.

 

-E voi stolti rottinculo. Non esiste più germoglio che possa attecchire con la vostra inutile bellezza!-

 

I Filhos iniziavano a gridare un urlo di guerra in quello che sembrava un qualcosa di tradizionale simile a un OHU-OHU-OHU.

 

-SIETE QUI PER COMODITA' O PER RIACQUISIRE QUELLO CHE AVETE PERDUTO?!-

 

La folla di criminali, balbettava. Alcuni iniziavano ad aggregarsi all'urlo di OHU-OHU-OHU.

 

-Il Governo centrale E QUELLA CRUCCA PUTTANA hanno innalzato le loro fottute difese, chiunque di voi conoscerà quanto la Bayer respira, giudice, sulle vostre teste di cazzo!-

 

 

Le ali della donna si aprivano generando una tempesta ventosa, imponente. Lei si ergeva ora urlando, tremenda.

 

 

-SOY NOVA,EL CISNE- Tuonava col tipico accento messicano del caso -

-CON LA MAYUSCOLA C, HIJOS DE PUTA!-

 

Gli altri leader venivano uccisi, a unisono. I tentacoli producevano un forte bagliore sui corpi.

Divenivano cenere anch'essi.

Quell'azione andava a enfatizzare il desiderio ormai belligerante di tutte le gang.

 

La folla impazziva. Nova "El Cisne" batteva le ali, fluttuando per aria. Dietro di sé delle scariche elettriche pervadevano la zona.

 

|||NO-VA! NO-VA! NO-VA!|||

 

-PERCHE' ESSERE DEI LURIDI SPACCIATORI RINTANATI IN QUALCHE BUCO DEL CAZZO,

QUANDO POTRESTE DIVENTARE I MITI CHE VOI STESSI IDOLATRATE? AVETE BISOGNO DI MITI, LURIDI PENDEJOS?-

 

Un pugno (quello destro) in alto. La folla la seguiva. L'urlo di guerra si concretizzava appieno:

 

- VI SEMBRO UN MITO? UN DIO? ALLORA SIATELO TUTTI CON  ME, ORA.

NOI SIAMO IL TEMPO,

NOI SIAMO LA GUERRA.

NOI SAREMO LA FOTTUTA VITTORIA!

REVOLUCIÒN! -

 

-REVOLUCIÒN!-

 

La folla impazziva tuonando ancora: "REVOLUCIÒN! REVOLUCIÒN! REVOLUCIÒN! REVOLUCIÒN!"

 

Numerosi spari fotonici per aria dalla folla. Quelle che erano rivalità anche secolari si vanificavano.

L'unica coscienza che stava via via crescendo era quella di "fare il culo alla Bayer", causa e origine del collasso del mercato della droga che aveva quasi azzerato i guadagni della criminalità organizzata.

L'oppressione del colosso tedesco era divenuta un fatto planetario.

 

La società s'era plasmata a sua immagine e somiglianza.

L'arte e ogni manifestazione di libertà ridotta a essere una pura e mera utopia ideologica che in quel frangente sembrava vivo, più che mai.

Criminalità organizzata e gran parte della popolazione mondiale a favore del sovvertimento del sistema.

 

Tal luogo era uno dei tanti. In tutto il pianeta delle cellule criminali, umani e dannati si erano uniti per sconfiggere l'oppressione della big B... Una guerra mondiale? No. Peggio.

 

 

Una lotta contro la macro oppressione.

Una REVOLUCIÒN! mondiale.

Dannati e non contro il Governo centrale.

 

Il cielo della vita s'era oscurata, in una prospettiva noddista tutto s'era avverato coinvolgendo anche l'umanità.

Era la fine.

 

El Cisne de Mexico era il simbolo del Sud America, Una "N" a due triangoli privi di base, pronti a divenire ali e a volare sui cieli di Berlino, per distruggere l'oppressione.

 

La Pasionaria, assumeva uno sguardo severo, incazzato, immortale...

 

...Alle sue spalle s'apriva un varco spazio-temporale-circolare-iquido, aka wormholela cui superficie sembrava quella del mare, frastagliata e colma di scariche elettriche al contempo.

 

Le ali del Dio Azteco si trasformavano in nivee ali di cigno splendenti.

 

Chiunque fosse Nova, Miller se n'era innamorato totalmente:

 

-Oh cazzo quanto me la scoperei di brutto quella...- [..]

 

Mentre tutta la folla di messicani ( e non) incazzati contro la Bayer correva varcando il portale che avrebbe condotto a Berlino, 'il becchino' ( o almeno quello che Miller pensava

fosse da come era abbigliato) si alzava andando a camminare verso di lei, calmo.

Il Brujah non faceva a meno di notarlo, (INVIDIOSISSIMO) nuovamente, quasi incazzandosi su come non rispettasse il mood rivoluzionario generale.

 

Sembrava che lui stesse sussurrando qualcosa del tipo alla ragazza cigno figa:

 

-Ci rivedremo dall'altra parte, mia cara. Ma attenta: non sarò mai ciò che tu osservi, al di là del varco. Che ti sia chiaro. Sii le mie ali a tempo debito e verrai ricompensata...-

 

Il tizio, poi spariva, camminando verso il portale: delle ombre andavano a generare delle corna fatiscenti sul suo volto, maligne.

 

Una figura che il Brujah, dal disprezzo, ne tastava il significato di pura e mera crudeltà, quasi con timore improvviso.

Miller sempre fluttuante sentiva picchiettare le spalle. Miller si voltava. Il tizio-becchine era di fronte a lui.

 

"Va te faire foutre, imbécile."

 

Uno schiaffo.

 

...

 

Santa FE,

(EstateNoMoreBut)Autunno 2013

 

Miller si destava improvvisamente. El Taxista se la rideva, pulendo un bicchiere opaco con uno straccio. Michael, incazzato se la prendeva andandosene borbottando:

 

- Cos...COSA CAZZO?! Tu----TU!!! TU-MI-HAI-FOTTUTAMENTE ROTTO I COGLIONI! TU...TU e la tua droga del cazzo, ficcatela nel culo TU E LA TUA TEQUILA DI MERDA E TAGLIATI LA BARBA,

CAZZO, PUZZI COME LA MERDA.

DA DOVE CAZZO VIENI ?! DALLA MESOPOTAMIA?! MA GUARDATI PORCA TROIA...

MA SI VIENI QUI CHE TI FACCIO SCOPARE MIA SORELLA, GILGAMESH DEI MIEI COGLIONI!-

 

Un calcio contro il tavolo e la sedia dietro di sè, facendo per andarsene.

Di fronte a sè uno strano tipo che balzava ovunque, USANDO OSCURAZIONE A CASO. Un altro, dietro di lui s'avvicinava...C'era un tavola da biliardo nelle vicinanze.

 

-Ehi tu, gringo...-

 

Sgranchiendosi le nocche..

 

Michael si girava, ora calmo, borbottando tra sè:

[-Che CAZZO vuole questo ora?-]

 

-Avanti, facciamogli il culo...MyRIMYRIMAAAOOO!-

 

Myriad: -EHI TU BARRISTA, FAMMI UNA TEQUILA CON UN PO' DI ANANAS-

 

[El Taxista se la rideva, pensando che a tutti gli effetti un'eventuale sorella sarebbe stata effettivamente sua nipote...scrollando le spalle e pronunciando]

-Giusto in tempo, bandoleiro!-

 

Parigi

Estate 2002,

Tenuta Regis

 

Un ragazzo appena diciassettenne suonava una Kitara greca, seduto accanto alla finestra, guardando verso il basso.

Parigi era sempre elegante, vivace, ambiziosa quanto orgogliosa.

Una limousine, guardie del corpo ovunque. Tutta quell'essenza di ricchezza David la mal sopportava pur facendone elegantemente parte.

 

I due uomini di mezz'età uscivano dal veicolo.

Ridevano falsamente tra loro.

Entravano nella tenuta.

In pochi minuti la porta della camera bussava. Il maggiordomo di turno (che puntualmente David esortava il padre a cambiarlo perché non sapeva pronunciare bene la lingua francese, stupidi italiani)

conduceva una ragazzina di appena sei anni, in sedie a rotelle.

 

[-Quindi pure la baglia devo fare, ora.-]

 

Angelo Regis, Wenning, il maggiordomo Francesco Caruso e una giovane Aida facevano il loro ingresso nella stanza.

Il suono continuava, le vibrazioni colpivano il caldo legno fino ad arricchire i colori delle arcate dal tipico gusto neoclassico, presenti nella stanza.

 

-Un figlio d'avte, osevei, Ancelo - la pronuncia italiana di Wenning era sarcastica quanto deplorevole, con quella tipica r 'tettesca' moscia insopportabile, specie per David.

 

Angelo Regis, padre di David, sorrideva nemmeno degnando d'uno sguardo il figlio.

-Smettila di suonare, David. Ci sono ospiti-

David fissava il vuoto, ignorando beatamente l'ordine del padre.

 

Ah...L'adolescenza del cazzo.

 

-Come puoi notare, mein Freund, Il mio ragazzo ama perdere tempo. Del resto cos'è l'arte se non una scocciatura costosa? Ma vieni, carissimo.

Cosa stavi dicendo di Roma? Ah. Sicuramente verrà un Papa più clemente nel pensiero,

forse fra un paio d'anni, massimo tre...Come dici?Potrebbe essere...Ma tanto il Papa è un burattino, il Vaticano è così lontano dal vero cattolicesimo.

Lo sai, in Italia si dice: morto un coglione se ne fa un altro ah...no. Non era coglione, era Papa! Ha Ha!-

-HAHA, DAS IST DAS...Das ist das...-

I due si allontanavano, risate ricche, grasse, unte, capitaliste, luride come la loro sete di potere.

 

David volgeva lo sguardo alla ragazzina senza particolare attenzione per poi tornare alla finestra, seduto sul ciglio. Il maggiordomo usciva socchiudendo la porta a sè.

La bambina muoveva le mani sulle ruote della sedia a rotelle, cercando di avvicinarsi, puerile, a fatica. Le sue manine erano fragili, come la sua voce seppur incredibilmente curiosa.

 

*In tedesco, puerilmente*

 

-S...Sei bravo-

 

-Merci.- ribatteva il ragazzo, gelido, senza nemmeno voltarsi.

 

-Io...Ich Heisse Aida. T-tu come ti chiami?-

 

Si voltava.

Il ragazzo appoggiava con cura la sua Kitara, non s'era minimamente accorto della sedia a rotelle prima.

D'un tratto un istinto di grazia e pietà lo paralizzavano, mostrando forse il suo lato più umano di sè.

...

...O forse era semplicemente attratto da quella figura informe, imperfetta, ma tenera al contempo.

 

-David, piacere- Una mano, sulla guancia di lei.

 

La carezzava.

 

David la faceva sorridere; lei sorrideva.

 

E mentre i genitori discutevano su come poter conquistare il mondo,

David cercava di conquistare piccoli sprazzi di felicità,

raccontando storie e leggendo libri a caso, facendo anche facce sceme per compiacere la bimba, sei anni esprimevano pur sempre una gentile quanto delicata innocenza.

 

David difficilmente sorrideva, di cuore.

Ma di fronte a lei, lo faceva.

 

-Vieni, ti leggo una storia che mi piace-

 

(Sulla copertina, appena leggibile: Antoine de Saint-Exupéry ...)

 

Parigi

Autunno 2013

Tenuta Regis

 

Polvere. Ombre. Un edificio ormai mal curato.

Lo stesso brano della Kitara, ma al pianoforte.

 

*In tedesco*

 

-Lasciami quì, devo vederlo- esortava Aida all'assistente.

Aida era bella, adolescente, curata come un fiore appena sbocciato, ma sempre ancorata a quella sedia, la sua dannazione.

Avrebbe voluto correre.

Abbracciarlo.

...

...Fortificarlo per la perdita di Angelo e Clelia. Uccisi entrambi in circostanze sconosciute, inspiegabili.

Lui era là a suonare, in mezzo alla polvere, non più la Kitara. Tasti bianchi e neri.  Un moto perpetuo. Ossessivo.

 

La porta si chiudeva.

L'assistente lontano, come da ordini.

 

Dei tentacoli d'ombra scorrevano sul pavimento andando ad afferrare le cosce della giovane, strette a tal punto da sollevarla.

Ora in piedi.

Camminava forzatamente per opera del vitae del Lasombra, verso di lui.

Per lei era tutto surreale, inspiegabile.

 

- Mia dolce Aida. So cosa provi per me.-

I tentacoli si stringevano. Crudeli.

 

-Ma so anche cosa hai fatto. Fottuta tedesca. -

Un tentacolo d'ombra le carezzava i capelli, lunghi, meravigliosi.

 

-Cosa...Cosa-

 

-NON FAR FINTA DI NON SAPERE!-

 

-Io..non-

-L'hai. Fatta. Trucidare.-

 

David s'alzava, mentre il corpo di lei, bloccato lo fissava. Singhiozzava.

-Non so di cosa parli...Per favore. Cosa...Cosa mi stai facendo?Cosa sono queste cose?...Cos-a...Ugggh-

 

-Lo sai benissimo. Sei conscia di tutto. E ora sparirai da quì. Dimenticherai anche quanto visto. Ti rimarrà solo il dolore che tu stessa mi hai provocato nell'uccidermi Clelia.

...

 

...Un vuoto che non riuscirai a colmare. Perché io sarò morto per te. SOLO MORTO, MORTO...MORTO!-

 

L'Ottenebramento si dissolveva.

Il corpo di lei cadeva a terra, David verso l'uscita sussurrava:

-Il grano dorato, che amavo, me l'hai avvelenato barattandolo per una tua futile speranza di avermi,

tu e i tuoi desideri da sporca adolescente.

Sparisci per sempre, Aida.

SPARISCI!-

 

-Io...Io ti cercherò. DISTRUGGERò QUALSIASI COSA PUR DI RITROVARTI.

RADERO' AL SUOLO OGNI DOVE - piangendo - OGNI COSA IO LO PROMETTO...Io...io-

 

Aida si spegneva in un sonno. Non avrebbe avuto mai più il ricordo di David per troppo tempo,

se non il dolore legato a lui.

Cosa avrebbe cercato nel suo futuro?

Altrettanto dolore forse.

 

---

Nell'ombra Adine osservava indisturbata, accarezzando il collo de l'effimera.:

-Brava. Ci siamo tolte dal cazzo quella troia , Clelia o come si chiamava, sempre un culo passo aveva.

Hai fatto bene a far ricadere la colpa su sta storpia del cazzo.

Sicuramente anche lei ci sarà utile, ma leviamoci dalle palle, ora, sta casa fa cagare. -

 

-Ouì... -

 

---

 

Berlino, Inverno 3054

Ultimo piano della Bayer Inc.

 

-Mia dolce Aida...-

 

Aida, vicini Vittorio Giovanni e la sua scorta personale di Heavy Tech.

Noir di fronte a loro.

 

-Tu...Chi...- esclamava lei, insicura. E mentre lui strisciava quasi fluttuando con le ombre verso Aida Bayer, gli Heavy e Vittorio erano pronti a distruggere il Lasombra.

 

-Sei stolta. Da ragazzina eri molto più intelligente-

Aida tremava, non di certo per il timore.

Dopo anni, avrebbe ricordato tutto.

 

Noir schioccava le dita. Vittorio e gli uomini dietro di lei balzavano contro la parete, bloccati, impotenti.

L'odio e le ombre di Noir apparivano immense.

A due passi da lei:

-Credi di aver vinto una guerra che tu stessa pensi di aver creato.

Sei e rimarrai una cazzo di storpia schiava di un necromante incestuoso.-

 

Due tentacoli d'ombra le afferravano le gambe, forzandola a sedersi, immobile, su una delle sedie prossime a loro.

 

La sedia veniva poi afferrata e tirata verso il Lasombra, mentre David, di spalle puntava il dito verso Aida per poi dirigerlo successivamente verso la finestra, il cielo.

 

-Osserva. Tic, Tac, Tic, Tac...-

 

Un'orda di aeronavi della resistenza progressivamente si teletrasportavano nei cieli di Berlino.

 

Erano molte.

 

Troppe.

 

Tutto il mondo era là, contro Aida e il suo potere.

 

Il Lasombra allargava le sue braccia. Il controllo del grande piano, su quella tela celeste.

-E ora? Sei pronta a barattare il tuo grano? Sempre che tu non voglia distruggerlo ...-

 

Noir l'avvinghiava, tirandola a sé, vicina.

Fronte contro fronte.

Le labbra sulle sue, sussurrandole:

 

- Odiami.

 

Perdonami.

 

Amami.

 

Per me sarà lo stesso... -

 

La mano di Aida tremava, fino a formare un pugno.

-Io...David-

 

-...Perchè io ti odierò per sempre, Aida-

 

Un bacio.

Gelido.

Mortale.

 

Noir indietreggiava.Il corpo tremante.I tentacoli perdevano il potere del sangue. Gli uomini di Aida cadevano a terra.

Progressivamente le corna sparivano, così come la sua maschera.

Una mano verso Aida, inginocchiandosi.

Gli occhi iniettati di sangue.

 

-Io TI OD-.. -

 

La mano tremante del Lasombra , tesa, si bloccava.

 

||Temporis 'Fuori dalla Clessidra', Entrambi erano fuori dal tempo||

 

-Aida...-

 

[La voce  era quella del David privo della pazzia. Quello giovane, con la Kitara in mano.

E Aida proprio in quel singolo istante vedeva tutto prendendo coscienza,

Il dolore l'appesantiva, più d'ogni altra cosa. La Nosferatu si avvicinava]

 

[Attorno a lei vi erano proiezioni di ogni epoca.

Qualsiasi azione avesse fatto lei, Blanc, Noir.

Un circolo vorticoso d'immagini che andavano a poi a congiungersi nel loro primo incontro, quando lei non era null'altro che una bambina.

Un sussurro di lei da piccolina, continuo: "E tu per cosa scambieresti il grano?"]

 

-...David-

 

-Devi fuggire,Aida. VATTENE da quì.

 

Il peso della vendetta che hai fatto nascere è troppo forte-

 

Aida lo fissava come la terra che cercava di afferrare la tempesta.

 

-Non temo l'umanità,

non temo la vendetta,

non temo nulla,

ho promesso di distruggere qualsiasi cosa pur di ritrovarti.

Così ho fatto.

Così farò in ogni mondo,

in ogni fottuto angolo di questo universo,

a ogni costo.

Ho scambiato il mio grano per questo.-

 

David sorrideva, socchiudendo gli occhi, bisbigliando.

 

La mano le carezzava il volto.

 

- Il mio peccato più grande ci ha portato proprio quì-

 

-...Quale peccato, David?-

 

-Il non averti creduto. Sono stato uno stupido. Lo siamo stati entrambi.-

 

-Non mi fermerò e lo sai- ribatteva lei.

 

Il Lasombra sorrideva, annuendole.

-Lo so, Aida. Non fermarti. Non farlo mai perché del resto, amore e odio non sono null'altro che due volti di una stessa moneta.

L'essenziale, che vive e vivrà pur sempre in te..."

 

-è invisibile ai miei occhi...- Balbettava, Aida.

 

-Dies ist kein Spiele...-

-Das ist meine Liebe, David. Mein Ende.-Ribatteva lei (Questo è il mio amore, la mia fine).

La mano di David cadeva, a peso morto.

 

Una risata molesta, femminile, afgana, distruggeva ogni immagine attorno a loro, in un'esplosione totale.

Il suono assordante di una bomba, come quella di Seattle, riportava entrambi nel fluire del tempo.

 

""" HE-HE...EhChePalle. """

 

|| Fine effetto Temporis ||

 

Il corpo di David iniziava a tremare, quasi come se fosse preso da una crisi epilettica.

Progressivamente le vesti nere e le corna scomparivano.

La tech armor, scintillante ora ben visibile.

 

1)Orbite spalancate.

 

2)Sorriso smagliante.

 

3)Un balzo per aria.

 

-YUPIEEEEEEEEEEEE!-

 

-CIAO MAFIOSINO INCESTUOSINOOOOOOOOOH ( facendo un occhiolino a Vittorio, con la manina agitata velocissimamente),

-CIAO BEI MASCHIONY(agli heavy),

-CIAO BELLA FIGAH uuups, non così fika...babbeeeeeeeeeeeeh vivi di ottimismo e fai un bel sorriso anche se fai cacare!!!-

 

-COME VA???????????? SCOLTATE MI ASPETTANO DI LAAAAAAH-

 

-QUINDIIIII -

 

I) Gesto di prendere una rincorsa

 

II) Volto ultrastraipermegaultraconcentrato (con lingua di fuori, per concentrarsi meglio)

 

III) Mano sul cappello da cowboy

 

-PISTAAAAAAAAAAAAH-

 

Blanc, dopo una meravigliosa rincorsa alla fiero Don Chisciotte della Mancia, sarebbe letteralmente balzato fuori dalla finestra avvicinando le mani alla bocca urlando verso Aida,

...

...cadendo verso il vuoto:

 

- MI RACCOMANDO BELLA FIGAH: IN GAMBAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAH-

 

-Protocollo MK III! Twisteeeeeer do' stai mon cheeer?!-

 

*clicclicclicccilciclciclic...cazz*

 

David premeva compulsivamente sul suo polso sinistro il dispositivo di richiamo del suo Titty TwiSter, aka veicolo "super power".

Il segnale era offline.

Il TT non appariva manco per il cazzo.

Venus? Era fuori uso.

 

***SIGNAL OFFLINE, ERROR PER POVERY*** (visibile sul suo schermo presente sulla sua tech armor, all'altezza del polso sinistro)

 

-Cacchio ma Venus? Noooooooh mi han fatto fuori il meeein freeeeimsss, che figli di androide mal pagata!-

Blanc faceva una linguaccia e il gesto dell'ombrello verso la Bayer, mentre cadeva nel vuoto, ovviamente.

 

-PRRRRRRRRR!!!!-

 

----BOOOM, schianto terribile al suolo-----

 

[2 Danni Aggravati aggratis da caduta, attutiti dalla tuta Medium tech]

 

[Il narratore si riserva di non far sconti ai personaggi semi giocanti]

 

Due Heavy tech di guardia all'entrata della Bayer si accorgevano dell'umanoide non identificato appena caduto a terra, come un coglione.

 

-ALT, ACHTUNG! IDENTIFIKATIONS CODE... - Tuonavano in coro.

 

E Blanc, ineluttabilmente puntando loro l'indice:

 

-Vaffanculo cruKKhy, preferisco i cuukies! Ora vi faccio il.....

 

il.....

...

...il.....

 

 

 

il.....

 

il..... CUL-kieeeeeeeeeeeeeeeeees! EN GAR...!-

 

Il problema di fondo è che appena i Tech stavano per attaccare David, i corpi di quelli venivano tranciati a metà.

Spuntava il volto di Nova, sorridente e smagliante.

 

-Hola, Onorevolissima Eminenza di Sta Gran Minchia- Inchinandosi, di grazia e mal costume.

 

Blanc sentenziava:

"SCUSA EH NON POTEVI ATTENDERE UN ||||MOMENTUM|||| IN PIU ? ERANO MIEI QUEI CATTIVONI, MERDE!"

 

-Nova non aspetta nessuno, cabròn, abbiamo una REVOLUCION! da portare avanti!-

 

David si faceva un facepalm: -Babbè. Facciamo la conta di chi ne killa di più, okieS?-

 

L'occhiolino di Nova era uno stampo di fabbrica delle migliori rottinculo della galassia. Ma efficace. David l'adorava letteralmente.

Rottinculo? Le infernaliste sono solite esserlo.

Ops.

 

 

-Basta che salti il trois, HeEh-He. Come ai vecchi tempi, allor.

Quelle ali che ti ritrovi sono meravigliose, sei proprio uno zukkerino- Ribatteva David, mettendosi in posa simmetrica a quella di NovAlyson.

-Sì, sono un cookies pure io, però ora non cagarmi la minchia, stanno arrivando. In posizione, pendejo!- Le ali scintillanti si aprivano, in assett belligerante.

In coro entrambi, di fronte ad altri tech che stavano per attaccarli:

"MAXI-BON-EN-GARDEEEEE!"

 

Aida dall'ultimo piano osservava la scena, un pugno stretto.I ribelli erano troppi. L'altra mano sulla tempia, sussurrava:

-Fayne. Codice Omega. Manda le Valkyrie. Sai cosa devi fare, è il momento-

 

-...Ricevuto, oberster Führer-

 

________________________________________

 

VTM Jyhad "Bienvenidos": Session XXV

 

ATTO I, "D-A-W-N"

Stiamo perdendo tempo.

Quote
Posted : 06/03/2020 2:33 am
murasaki
(@murasaki)
Member Admin

344,47 Km di distanza dalla Bayer,

SA-2 "Miki", Battle Ship

Berlino, Inverno 3054.

 

Miller batteva la mano sul sedile dietro di sé: "E quindi questa era la storiella. Convenevoli a parte da quel che ho visto all'incirca nelle nostre coordinate- picchiettando sul pannello della aeronave - ci troveremo un esercito di messicani incazzati sotto di noi fra tre due uno...Gotcha.

[Sentite a terra un esercito che iniziava a fare il culo ai tech (numeri vasti rispetto a quelli delle città. La Bayer era stata colta di sorpresa). Berlino stava per essere totalmente presa d'assedio.]

 

-E poi l'esercito via aria...-

 

***VOOOOM VOOOOM VOOOM***

 

Le presenze in cielo via via si facevano sempre più numerose. Velivoli tech sconosciuti a voi, armati fino ai denti.

 

Vystfalia forse volgeva lo sguardo per la prima volta ad Amalie, avvicinandosi a una distanza di circa (no, niente circa) 1,618m.

Fissava Amalie.

 

In giapponese:

- パラドックス ... - [Bisbigliava ("Paradosso...") -

 

Cercava di cogliere più informazioni possibili. immota. Sibilava, sempre in giapponese.

 

 

- 2 Turni all'esecuzione del Codice Omega.

 

[Il narratore vi consiglia di scegliere bene le vostre future azioni prima del conflitto.

Niente più giochetti, ora si fa sul serio. Oltre al normale corso della vicenda tenete d'occhio il contatore integrità esercito...Insomma, se volete vincere la guerra datevi da fare]

 

[Buon gioco, anzi EN GARDE :*]

 

Integrità esercito Bayer: 100 %

Integrità esercito Ribelle: 100%

[Turning Murasaki, Vystfalia, Amalie, Miller]

 

Murasaki: "Oh. Lo avevo detto che avremmo fatto bene a restarcene dov'eravamo". Sbuffò, accendendosi una sigaretta.

 

"David ci ha fatto davvero venire fin qui per condurre una guerra contro la Bayer?"

 

Sbuffò di nuovo, fumo e lamentele fuori dai polmoni in un attimo.

 

La mano si poggiò allo schienale di Miller. Osservava la scena.

"Okay. Era il lontano 2200 quando ho affronatto la Bayer per la prima volta e ci ho rimesso un braccio. Adine *adorava* mandarci a trovare Aida".

 

Si grattò il mento.

"Ma David è sicuramente più sorprendente. Mi sembra l'abbia presa un po' più sul personale..."

 

Sputò fuori altro fumo.

"Hanno la mia progenie, quindi una delle prime cose da fare sarà sicuramente entrare. Se l'attenzione della Bayer è sia via terra che via aerea, quello che suggerirei è di utilizzare una strada non prevedibile né controllata".

 

Lo sguardo verso Miller.

"Non credevo ci saremmo rivisti dopo Santa Fe. Mi dispiace per la cazzata di Moncada. Davvero".

 

Riprese.

"Suggerisco un approccio più stealth. Nella mischia non credo che andremmo bene. Lei è un'assassina, quell'altra una specie di Samurai. Nessuno di noi ha fatto la guerra del Vietnam, quindi..."

 

Alzò la voce, proponendo strategia.

Aveva visto ben 4532 puntate di Anime sulle battaglie con Mecha.

 

Ne sapeva.

 

"Organizzerei una formazione. Due davanti, uno dietro e uno nascosto sotto".

 

Si interruppe.

 

"Peccato che non abbiamo velivoli..."

 

Vystfalia:  [La Tech dopo un accurato sguardo ad Amalie e a Murasaki si poneva in Zazen, bisbigliando mentre socchiudeva gli occhi a 3/4:

 

"aka-amahara ni Kamzumari masu

 

Kamurogi Kamuromi no mikoto mochite

 

Sume-mioya kamu Izanagi o mikoto

 

Tsukushi no Himuka no Tachihana no

 

odo no Ahagi-hara ni

 

Misogi harai tamou toki ni nari maseru

 

Haraido no okami-tachi

 

Moro-moro no magagoto tsumi kegare o

 

Harai Tama-e kiome tama-e to

 

maosu koto no yoshi o

 

Amatsu-kami kunistu-kami

 

ya-o yorozu no kami-tachi tomo ni

 

Ame no fuchi-koma no mimi furitate te

 

kikoshi-mese to

 

Kashikomi Kashikomi mo maosu

 

 

Miroku Omikami

 

Mamori tama-e sakiha-e tam-e

 

Miroku Omikami

 

Mamori tama0e sakiha-e tam-e

 

 

Oshi-e mioya nushino-kami

 

mamori tama-e sakiha-e tama-e

 

Oshi-e mioya nushino-kami

 

mamori tama-e sakiha-e tama-e

 

Kan-nagara tamachi ha-e mase

 

Kan-nagara tamachi ha-e mase"

 

[OOC Info: Amatsu Norito è una preghiera che richiamava il senso della luce ultraterrena, dell'unità, dell'unione di sè stessi col cosmo. Un'abitudine legata al Budo di un guerriero e, nel caso specifico, di una Onna-bugeisha.

Una guerriera che avrebbe onorato la propria promessa passata, nel caso specifico verso Murasaki. Quale fosse la promessa, beh...Chissà se mai lo dovessimo scoprire. Vi era molto misticismo dietro a quel bisbiglio, quasi una sensazione

di preoccupazione. Quasi come se quella missione non fosse null'altro che un drammatico quanto disperato tentativo di assaltare quella fortezza impenetrabile che non era mai crollata per secoli]

 

Amalie: Rivolsi un'occhiata alla donna.

Aveva intenzione di continuare a parlare in una lingua incomprensibile ancora per molto?

E Murasaki? Cosa aveva intenzione di fare? Sicuramente avrebbe voluto recuperare la ragazzina.

Che fortuna... l'unico viaggio nel tempo che avevamo fatto ci aveva portato nel bel mezzo di una guerra.

Rimanendo a braccia incrociae osservai la tecnologia che ci circondava: troppo avanzata, non avevo modo di poter gestire il gap che intercorreva tra le due epoche.

Le mie armi erano sicuramente inadeguate e non avevo idea di quali fossero le capacità di quegli androidi; a occhio e croce era probabile che potessero usare qualcosa di paragonabile a una disciplina.

L'unica voglia che avevo era quella di tornarmene nel mio tempo.

Vystfalia continuava a osservarmi e mormorare la stessa parola, non sapevo quale fosse, ma ero sicura fosse sempre la stessa. Sembrava la versione tecnologica di un'antica samurai.

Una guerriera?

Perché avrebbe dovuto aiutarci?

E perché sembrava così dannatamente interessata a me?

 

Murasaki sembrava propizio ad andarsene, annuii alle sue lamentele, ancora in silenzio.

Purtroppo avevo avuto ragione e voleva recuperare la ragazzina.

Non potevo dirgli molto in verità... non capivo il bisogno di avere una progenie, ma avrei fatto lo stesso nel caso... anche solo per ucciderla con le mie mani.

 

Bene, quindi era deciso che dovevamo andare a perdere la vita in una missione suicida con una probabilità di riuscita vicina allo zero più assoluto?

Sospirai.

Un soffio irritato e secco dal naso, simile al fiuto di una bestia in gabbia.

 

"Suppongo che una resistenza a una potenza mondiale abbia sicuramente dei veicoli di scorta. Se siamo stati trascinati qui è molto probabile che la nostra presenza fosse prevista" dissi cercando di analizzare razionalmente la situazione, arrabbiarsi era inutile, ci avrei pensato in un secondo momento "C'è un breve recap del livello tecnologico di cui disponiamo noi e i nostri avversari? Se dobbiamo rimanere qui ed essere di aiuto più che d'intralcio avremo bisogno di informarci su cosa possiamo fare noi e cosa possono fare loro".

La mano destra andava a stringere il manico della Jagdkommando, un gesto banalmente rassicurante. Lanciai un'altra occhiata alla donna.

Semplicemente non la capivo.

(Tiratemi D10 Int + Tecnologia Diff 6)

Amalie: 8, 9, 10 --> tre successi

Murasaki: 5 dadi, 4 successi, + 10 ritirato con nuovo successo, totale 5 successi

 

Miller: Okay duemilanoidi, la situa è molto simply. Tizia fiketta stretta [Puntando col muso verso Vystfalia] non so come cazzo faccia ma è incredibilmente veloce, insomma è un'animala da sfondamento,

quindi senza che vi parli nel dettaglio lei m'ha già fatto capire che andrà a combattere direttamente i Tech a terra. Voi due...Beh.

 

[Miller punta con l'indice verso i Blueprint, vicino a lui. Raffigurano due veicoli distinti. Il primo, ciò che vi sembrava la struttura interna della navicella su cui eravatate proprio in quel momento. La seconda, una specie di versione

del Titty Twister (il veicolo di David) ancor più futuristica, insomma, una cazzo di moto figa armata fino ai denti]

 

Il Brujah puntava un telo vicino a Vyst:

 

Miller: Esatto Guys, la Cherubini ha finanziato sta rebellion. Là sotto ci sono Tech Armati fino a denti che non credo abbiate idea di quanto cazzo siano forti. E...Dato che non mi sembra il caso di mandarvi là sotto, vi consiglio vivamente

di scegliere chi prenderà cosa. Presto i Tech-crucchi del cazzo passeranno al contrattacco e pare che la Bayer abbia un bel po' di barriere. Sarebbe comodo..."

 

Voltandosi verso Murasaki e poi Amalie:

"Che qualcuno prenda il posto sulla nostra Miki (SA-2, la ship) per fare da sfondamento e che uno prenda la fottuta Delta Dragon mentre Vyst combinerà casini a terra.

Se invece volete tornare in Messico beh...Andateci a piedi, ma vi perderete lo spettacolo!"

 

[Il Brujah si accendeva la paglia, premendo tasti probabilmente a caso per far scena]

 

"In altri termini, chi starà quì dovrà difendere chi salirà sulla Delta Dragon perchè...Beh. Se le difese della Bayer saranno impenetrabili,

potremmo dire addio alla nostra offensiva. E io al culo di Nova. Madonna che figa quella...L'avete vista?"

 

[Inspirando la Lucky Strike]

 

"Sul serio, raga. Mi sembrate svegli, specie tu bionda. Ci sono quattro generatori di barriere. Sono piuttosto resistenti, dobbiamo disattivarli distruggendoli. Loud & Clear. Ci sta pure una mappa quì, vicino ai blueprints.

Se avete domande fatele, ma non c'è tempo. Organizzatevi. A proposito...Io e te ci siamo già visti?"

 

- 1 Turni all'esecuzione del Codice Omega.

Integrità esercito Bayer: 100 %

Integrità esercito Ribelle: 100%

 

[Amalie, Murasaki, Vystfalia, Miller]

 

[Esito dei Dadi]

Successo per entrambi. Comprendete chiaramente il funzionamento dei velivoli nel leggere la documentazione a voi fornita che vi appare in questa maniera.

 

Amalie:

Il mio sangue si mosse per attivare al massimo tutte le discipline fisiche a me disponibili.

[Attivo potenza (4), robustezza (4) e velocità(3)]

Presi i fogli e li osservai attentamente, una delle due navi era grande, molto più corazzata e armata, l'altra era piccolae veloce, sicuramente equivalente a una moto.

"Rimarremo. Ha deciso che dobbiamo recuperare la ragazzina" dissi mentre scorrevo attentamente le istruzioni.

Sembrava una missione impossibile, eravamo un puntino minuscolo rispetto al nemico che dovevamo combattere.

Sospirai guardando la mappa.

"Abbiamo dispositivi per comunicare tra noi? Avete delle tute in più per la protezione?" guardai Murasaki, poi le mappe, poi gli altri due.

"Murasaki prenderà Miki, è più esperto di strategie di guerre futuristiche, io esco con quella".

Mi girai verso Miller "Sono l'assassina che ti ha portato via dagli artigli di Ylien. Niente di personale. Eri il mio target." dissi concisa.

Avrei voluto un minimo di protezione in più, ma dubitavo che forgiare ossa sarebbe servito ad aumentare le mie difese.

"Credo che la strategia migliore sia distruggere prima i due frontali, poi i due sul retro" dissi aspettando conferma dagli altri.

 

Le prime forze sarebbero state schierate sul davanti, il punto di uscita principale, mentre quelli più distanti sarebbero stati raggiunti più lentamente.

Era così fastidioso non avere il tempo di prepararsi adeguatamente.

 

Murasaki:

Il volto di Murasaki era sempre - e dico sempre - stato impenetrabile. Impassibile.

La sua serietà era un segno distintivo della sua personalità eppure...

 

"Miki-chan?" sussurrò.

"Non ci pos-s..." la bocca rimase spalancata. Avrebbe sbavato, potendo.

 

"Miki è al settimo posto tra le mie Waifu 2D!"

Strinse i pugni e li riaprì più volte. "Non posso che essere io ad avere Miki chan. Oh, Miku e Miki..."

 

Attivò i Glass. "Miku Chan, hai visto? Ora che Miki-chan con noi a combattere. Prepara le basi instrumentali per le canzoni di Miki e apri un documento per un'algoritmo strategico.

 

Come i Gambit, ricordi Final Fantasy XII ? Voglio che tu prenda il file Danniapeiron_drago.proj

 

Ecco sì, brava.

 

Allora, impostiamo cosi: Base, il potente se non ci sono troppi nemici e Scudo dopo Delta Star!"

 

Ripensò al bellissimo concerto di Venus.

"Fai apparire le stelle e la scritta Delta Star sui glass con la vittoria di FF!"

 

Tornò serio.

"Miller, partiamo. Stiamo perdendo tempo!".

 

Spese dei punti sangue per aumentare la destrezza. Preparò le tracce musicali e perfino una gif del Vegetable Juice che gli portava fortuna nei momenti più difficili.

 

Era pronto.

High School of the dead, Sousei no Acquarion e primo tra tutti l'intera saga di Metal Gear non erano stati giocati o visti invano. Quello era il momento di mostrare a tutti la grandezza di un vero Otaku.

 

Vystfalia: riapriva gli occhi, alzandosi dirigendosi spedita verso Amalie. Di fronte a lei, estraendo la Katana pronunciava in Danese:

"Se pensi che stiamo per commettere una pazzia, Dottoressa, allora pensi il vero. Noi stiamo vivendo una pazzia. Condivido il tuo sguardo. Ma è nostro dovere combattere"

[La guerriera si voltava verso Miller, poi ancora verso la Tzimisce]

"Se mai tu dovessi sopravvivere, allora io e te parleremo. Hai un debito nei miei confronti che dovrai pagare con le tue adorate daghe.

Se vuoi un consiglio usa la Dragon, non sopravviverai a lungo in mezzo alla mischia, ma sembra che tu abbia già deciso. Ricorda: ti ho salvato una volta, non lo farò una seconda"

[Ammiccando alla Dragon]

Ora è tempo di combattere.

Nu er det kamptid. "

 

[La Tech premeva un pulsante della Ship, volgendo lo sguardo verso Murasaki, offrendogli un saluto col capo in un gesto estremamente rispettoso. Il portellone della SA-2 si apriva.

Poi verso Miller, esclamando statuaria, in Americano]

"Invece che fare l'Elvis Presley della situazione, faresti bene a non sbagliare la mira. Lo sai come chiamano gli individui che sbagliano mira?"

[Una breve pausa]

"Coglioni".

[Un occhiolino, verso Amalie che voleva dire:

"Te capisco zii, so coglioni, lascia perde".

Volteggiava nel cielo, mentre estraeva la sua Katana, tuonando verso un paio di Medium Tech Bayer di fronte a lei un armonioso Kiai]

 

OSHITE MAIRU (推して参る), SONATA NI SHI WO! (其方に死を)

"ECCOCI QUI, ORA VI AMMAZZERO' TUTTI!"

 

Miller, a bocca aperta. N'altra figa da paura, certo-non-quanto-Nova ma...Minchia, che carattere stronzo.

-Ah...Ehm- [Tossendo]

-Ecco...Mettiamo un po' di musica va. Miki? Spara un po' di Jojo dai, almeno per ora, poi dopo fa quello che vuoi con Murasaki. Un singolo shot concedimelo, poi gli do la lead-

Guardando Murasaki

-A te piace Jojo? A me un sacchissimo, bro, mi concentra per far esplodere cose dato che mi ricorda l'adolescenza...sai com'è, i tempi di solitudine...Hai la faccia da saperne qualcosa. Ti sharo il feeling bro-

 

* TCK TCK TCK *

"OKAY MIKI, FAMMI UNO SCAN SHOT A ORE 12...VEDIAMO COSA ABBIAMO...UNA TORPEDO MK V??! CAZZO SI SONO AGGIORNATE LE CRUCCO-STRONZE...VAI DI ORBITAL!"

 

[La SA-2, voce simile a Venus esclamava: AII Michael-San! PON PON ATTAKKU! KONNICHIWA MURASAKI SAN! ]

 

{La SA-2 Effettua 30x2 Danni alla Torpedo-MkV della Bayer.}

 

Risultato D4: 4!{DELTA STAR ATTACK x2 DAMAGE!}

0/30 HP rimanenti, Torpedo abbattuta!

 

SA-2, con una vocina adorabile: "Iattaaaaaaa Michael-San!"

Miller: "Brava baby, se fossi una cazzo di figa ti avrei sculacciato per bene, non sai quanto cazzo m'arrapi quando FAI ESPLODERE COSE.

MI PIACE ....MI PIACE UN SACCO FAR ESPLODERE COSE LO SAI MIKI? HAHA, YEAH, CAZZO SI HAHA!"

SA-2: *Le luci all'interno dell'astronave per un po' arrossiscono... Sullo schermo principale spunta una smiley "¯\_(ツ)_/¯" *

Michael: [Guardando Murasaki esclama] "allora che volete fare? Sbrigatevi a decidere"

 

Iniziativa:

1) Murasaki

2) Amalie

 

Risultato:

 

Michael: bene, "Miki, transfero la lead ad Eschatological" [Osservando Murasaki] "From now on, è tutta yours. Tu blonda" [Puntando ad Amalie] "Sii veloce. Non abbiamo molto tempo, 'kay?]

 

[[CODE OMEGA: ACTIVATED]

Narrazione:

Sgt. Cross: una SA-2 ha sganciato un velivolo non identificato

Aida: come sarebbe a dire non identificati?

Sgt. Cross: Li...Abbiamo identificati. Un velivolo monoposto, non abbiamo informazioni. Sembra invisibile ai radar e sta distruggendo i nostri core di barriera.

Aida: sta finendo i preparativi Fayne?

Sgt. Cross: Mancano circa un paio di ore.

Aida: Un'ora. Non un paio.

Sgt. Cross: ...Non sappiamo se...

Aida: UNA. FOTTUTA. ORA. VATTENE DALLA MIA VISTA...

 

La terra trema. Le ridicole sentinelle attorno alla Bayer INC iniziavano a moltiplicarsi.  Per quanto l'attacco iniziale delle truppe della resistenza avessero causato ingenti danni (10% circa) la controffensiva

tedesca sarebbe iniziata. Come prevedibile, l'intera fortezza attivò i sistemi di difesa MX Proto IV, impedendo alle truppo al di fuori dell'area di fuggire dal campo di combattimento. Vi erano quattro strati di barriera,

tutti dipendenti dal fatto che fossero online i sistemi attraverso i quattro core.

La vostra missione è distruggerli.

Amalie pare aver elaborato una strategia.

 

Si avvicinano due Torpedo e una Spinnenbein. Non avete info. Potete comunicare tra di voi con un apparecchio che trovate nelle vicinanze.

...

 

Murasaki:

"Miki Chan, Yoroshiku ne. Io sono Murasaki, ma puoi chiamarmi Saki-kun!"

 

Era diventato improvvisamente entusiasta. Certo che il 3000 era molto più interessante della sua epoca, se non fosse che in entrambe Aida Bayer rendeva un vero inferno essere un cainita - e non solo - .

 

"Aaaallora, secondo la mia esperienza, considerando che il Torpedo ha 30 Hp, dobbiamo fare un attacco alla Sir Auron e sfondare il Spinnenbein che ha sicuramente più Hp e quindi... Attacco potente su di lui!"

 

Ermetic Secs, [5 mar 2020, 23:38:25 (05/03/20, 23:44:08)]:

Torpedo: 30 HP

Attacco base ? dmg

Attacco potente ?? dmg (1 turno riposo)

?? xp

 

SpinnenBein: 80 HP

Attacco base ? dmg

Attacco potente ?? dmg (1 turno riposo)

?? xp

 

Lucrezia Tira  3 D4 (sono le truppe)

Murasaki Tirami 1 D4 di attacco potente.

 

Narrazione:

 

L'attacco della Torpedo (2) Effettua 15 danni alla Sa-2 che fa: "AHIIIIAAAAH, MURASAKI-KUUN ! PON PON SUPERU ATTAKKU!   

 

 

DE

 

RU

 

TA

 

 

 

 

 

STARUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU!"

 

 

L'esplosione dell'attacco colpisce il core della  SpinnenBein. Murasaki si aveva visto chiaro. Era una Tank Ship da 80 HP.

 

(continua)

 

{Sa-2 Attacco potente x2 = 60 + 15 Free del Critico = 75 Danni}

 

Spinnen Bein rimane con 5 HP, ma cade a terra rovinosamente (esplodendo e quindi disintegrandosi) sbattendo con una torpedo che rimane in piedi ( quella che vi ha attaccato).

 

{Sa-2 Guadagna in totale 7 punti exp}

Truppe nemiche rimanenti: 1 Torpedo

Sa-2

Dragon (in accensione)

 

Integrità esercito Bayer: 90 %

Integrità esercito Ribelle: 94%

 

[Turning: Amalie, descrivi la tua azione]

 

[Sentite Mikki che parla]

"Iattaaaaa Murasaki-Kuuun :D"

"Niu informezions! Foooar enemis!"

 

Torpedo: 30 HP

Attacco base 5 dmg

Attacco potente 15 dmg (1 turno riposo)

3xp all'uccisione

 

SpinnenBein: 80 HP

Attacco base 5 dmg

Attacco potente 10 dmg (1 turno riposo)

7xp all'uccisione

 

Sa-2: 485/500 HP

Dragon: 200/200 HP

 

Amalie: Un'occhiata alla donna, cominciare cercando di farmi pesare un debito non era il migliore dei modi per cominciare una conversazione con me "Ti devo qualcosa per aver riconosciuto il mio status, ma non confondere mai un'assassina con una guerriera. Non abbiamo onore, ne storia" dissi mentre mi mettevo una sorta di bluethoot futuristico intorno all'orecchio "In ogni caso..." le feci un cenno con il capo, come ad augurarle buona fortuna.

Erano così diversi i guerrieri, avevano un'idea, un codice morale... avevano tante cose per essere gente che toglieva la vita ad altra gente

Annuii verso Miller "Sarò un fulmine" dissi scavalcando la moto con una gamba, preparandomi al peggio.

"Andiamo ad attaccare i due centri frontali"

Una serie di schermi blu si accesero sul veicolo, la vicissitudine creò una sottile lamina trasparente intorno ai miei occhi, perché l'aria non li danneggiasse in volo.

Feci qualche prova di suono, mi toccava ascoltare sia Murasaki che la IA nella cuffia, speravo non andassero avanti così tutta la serata.

"Coprimi e dammi indicazioni, Escatologico" Presi un respiro e mi lanciai fuori dalla nave.

Bene tanto per cominciare sarebbe stato ottimo levare di mezzo l'unica navicella nei paraggi che poteva dare problemi.

 

[Attacco base --> 3 = attacco normale + secondo attacco base: 20dmg + 20dmg]

 

E ora: puntai l'acceleratore al massimo, diretta ai primi due quadrati presenti sulla mappa.

 

Gli assassini sono veloci, econo dalle ombre, colpiscono, alle ombre ritornano.

Dovevo essere terribilmente veloce.

 

 

{La Torpedo compie un attacco base danneggiando la Dragon per 5 punti, ma l'attacco base del velivolo compiendo 40 Danni fa esplodere la Torpedo istantaneamente}

 

{D-Dragon Guadagna in totale 3 punti exp}

Truppe nemiche rimanenti: 0

Sa-2: 7 EXP

D-Dragon= 3XP

 

Integrità esercito Bayer: 87 %

Integrità esercito Ribelle: 90 %

 

Dragon's voice, altra IA:

"Colpo eccellente, Utente No.1. Unità torpedo eliminata. Distanza dal target designato 59 KM. Consiglio cautela, probabilità di successo di attacco frontale pari al

 

Settanta

Per

Cento."

 

 

Nel frattempo, nella cabina:

Miller: Bene guys, sapevo foste in gamba. Blonda suggerisce un attacco frontale. Non so se avremo il tempo, Sa-2 è lentuccia rispetto a Dragon, che dici Murasaki? Dimmi come muovermi. Seguire blonda...Well, you can forget that. Definitely. Però possiamo proteggerla a distanza mentre spacca cose.

Un altro velivolo non identificato insieme a un altro torpedo si avvicina alla SA-2

 

{Torpedo: 30 HP

Attacco base 5 dmg

Attacco potente 15 dmg (1 turno riposo)

3xp}

 

{??MK V: ?? HP

Attacco base ?? dmg

Attacco potente ?? dmg (2 turni riposo)

7xp}

 

Mikki: "PULEEEING Sousei no Aquarion OP - Genesis of Aquarion "Akino ft. bless4, MURASAKI-KUN!"

 

 

"ichiman'nen to nisen'nen mae kara aishiteru

hassen'nen sugita koro kara motto koishiku natta

ichioku to nisen'nen ato mo aishiteru

kimi wo shitta sono hi kara boku no chigoku ni ongaku wa taenai"

"Miku, Miki. Oggi siete le mie Twin Waifu. Attiveremo il Protocollo Acquarion. E per protocollo intendo che faremo una fusione stupenda. Ora!"

 

lo sguardo attento del vampiro era sul monitor.

"Amalie, Ho bisogno che tu distragga il segnale dell'affare Gigante. Io parto con un altro attacco grasso"

 

Si preparava a un nuovo attacco gradasso. "Poi, al prossimo momento utile attacca subito il torpedo, ce lo toglieremo dalle scatole, io attiverò lo scudo attirando la sua attenzione"

 

Quindi...

 

"Orbital CANNON MK3 !"

Si sollevò alzando le braccia, le incrociò come avrebbe fatto un qualunque eroe in segno 'Yatta'.

 

Murasaki lancia un attacco secondario. Tiro del d4: 4.

 

Quindi sono 30 danni + 15x2 di Utility Cannon

 

"Ai shiteruuu kimi wa"

 

Ermetic Secs, [6 mar 2020, 00:19:21]:

(No, non è comprso il secondo tiro di D4 con Dai Seiko, è un attacco automatico)

 

{Sa-2 fa DAI SEIKO! 30 danni + 15 = 45 danni base ma il prossimo turno non può attaccare dato il surriscaldamento}

{Torpedo fa 5 Danni alla Sa-2} 0/30 HP +3 XP!

{IZAN ( sì, gli anagrammi son belli} Fa un attacco pari a 40 Danni} 0/15 HP +7 XP!

 

Ermetic Secs, [6 mar 2020, 00:20:11]:

{Sa-2 Riceve 45 Danni HP, guadagnando 10 Punti EXP}

 

HP SHIPS

Sa-2: 445/500 HP

Dragon: 200/200 HP

 

EXP SHIPS

SA-2: 17 XP ( HACK & SLASH UNLOCKED!)

Dragon: 3 XP

 

[Turno Amalie, descrizione narrativa]

 

Tirami un d10 di percezione diff 4.

 

Ermetic Secs, [6 mar 2020, 00:25:14]:

Descrizione:

 

Ti accorgi che vicino alla parte frontale dei due core (le fonti di energia della barriera della Bayer) c'è un mecha gigantesco che sta iniziando a distruggere i tech della resistenza. Puoi procedere spedita nella distruzione

dei core di energia ( Quelli a Nord dove sei diretta), seguire l'ordine di Murasaki sebbene abbia abbattuto le ship oppure aiutare le truppe col Mecha. Oppure... boh. Il tempo stringe. A te la scelta.

 

Info Tech:

 

???: 200 HP

Attacco base 40 dmg

Attacco potente 70 dmg (X turni riposo)

??xp

Amalie:

 

Quale

Divinità

Dovevo

Ringraziare

?

La voce della mia navicella sembrava quella di una persona seria.

Non una ragazzina minorenne appena uscita da un cartone.

Utente No.1 mi andava benissimo.

"Calcola altre strategie con percentuale di successo superiore"

Non credevo ce ne fossero, il 70% era una percentuale altissima vista la situazione.

 

Ovviamente non eravamo soli e non potevamo avere un respiro così facilmente.

"Roger" dissi appoggiando la mano sul palmare di fronte a me, ne sapevo abbastanza di onde elettromagnetiche per sapere come disturbare un segnale radar.

...

Ovviamente Murasaki non aspettò una mia conferma e fece tutto da solo, come al solito.

Incassò il colpo.

Appunto.

Però buttò giù entrambe le navicelle.

 

59km.

550m/s.

Potevo arrivare all'obbiettivo in circa 0.02 secondi se avevo approssimato bene.

0.5 secondi calcolando i tempi di accelerazione.

Avevo un potenziale di spostamento enorme, difficilmente Murasaki avrebbe potuto seguirmi con la sua nave.

Speravo riuscisse a coprirmi a distanza.

 

Visto che dovevamo dirigerci verso quel titano armeggiai con il segnale perché Murasaki non subisse altri danni.

 

"Murasaki, c'è un nuovo nemico. 200HP, gli attacchi sono 40 e 70 dmg, non conosco i tempi di ripresa." fortuna che sentivo i discorsi che facevano gli altri due, Miki stava spiegando una nuova tipologia di attacco.

"Coprimi, io mi dirigo alle torrette".

 

Con la mia velocità sarebbe stato uno scherzo raggiungerle, pensai lanciandomi verso il mio obbiettivo.

 

[Attacco bonus: 20dmg sulla torretta difensiva più vicina alla mia posizione]

 

Ermetic Secs, [6 mar 2020, 00:50:11]:

{Il Mecha Viene disturbato per attacco Chaff da parte di D-Dragon. Il suo puntamento non funziona per un turno. I 20 Danni avanzati colpiscono la torretta di difesa del 1) Energy Core}

 

Murasaki si lancia contro il Mecha e gli fa un attacco potenziato.

 

"Amalie, torna qui e fiancheggia questo bestione. Senti qui: Io preparo l'attacco potente, poi lo hacko e gli faccio colpire la torretta, poi tu lo finisci. Non deve avere un attimo di respiro".

 

Ermetic Secs, [6 mar 2020, 00:58:27 (06/03/20, 00:59:51)]:

Mikki: "Gakuen Mokushiroku, Murasaki-Kuuuun!"

 

 

"揺れた 現実感 なくしたままで

瓦礫のように 積み重なる

この感傷はどこへ行く?

潰えた希望抱え

赤い雨を払い走った 夢中に

崩れた 感情の果てに

何を見る?何がある?まだ知らない

儚い 全ての未来は

ただ無音に 目の前に

広がり続けた"

 

La SA-2 a ritmo di musica segue il Diktat della Skov, individuando correttamente il big fat Mecha

 

ADOLPHUS MK V: 200 HP

Attacco base 80 dmg

Attacco potente BLASTER 400 dmg (4 turni riposo)

20 XP

 

Hai un free attack a tua disposizione.

 

Mikki: "Purontaaa all'attakku!"

 

(Specifico: nel caso tu avessi fatto Hack & Slash)

 

Torretta: 30/50 HP

Murasaki sceglie l'attacco potente, così il Mecha si sarebbe dovuto riposare per surriscaldamento e loro avrebbero avuto tutto il tempo di abbatterlo senza subire danni.

 

Un'ultracidio. Una fatality.

 

Godeva.

 

[Adolphus era uno dei Mini-Boss della Bayer. Sostanzialmente il suo potenziale d'attacco era pari da considerarsi a una trentina di velivoli in uno.

La Cherubini aveva totalmente dato istruzioni false sul potenziale d'attacco bellico in termini di produzione.

Sa-2 e D-Dragon erano la punta di diamante, oggetti unici che si potevano definire una novità assoluta anche per la Bayer. L'Hack&Slash era un programma creato ad hoc da Venus come del resto l'IA di SA-2, studiando

la sintesi comportamentale degli heavy tech tedeschi in più di  quattro secoli di storia.]

 

[Il Mecha si sarebbe bloccato, andando a colpire sia le torrette difensive che i Core a Nord della Bayer. Ciò che Murasaki non aveva CAPITO o previsto, un po' come la sua progenie in illo tempore è che il potenziale d'attacco

del Mecha era tale da creare una voragine assurda, andando a spazzar via circa il 20 % dell'esercito sia Bayer che Alleato. E ora, entrambi gli schieramenti si chiedevano all'unisono...]

 

Novalyson: CHI CAZZO é STATO?

David: Uh? Ullalà! çi çom çi çom çi çom çaaaa!

 

Aida Bayer: WAS IST DAS? NEIN NEIN NEIN! NEEIN!

Sgt: Cross: ...

Aida Bayer (incazzata): DIE WALKURE!!! (Le Valchirie)

 

Integrità esercito Bayer: 67 %

Integrità esercito Ribelle: 70 %

 

 

Michael: MANDORLATO, MA SE...

ESPLODI

COSE

COSI

MI FAI ARRAPARE PURE TU....

Mikki: "Iattaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa"

[Amalie, nel frattempo riesce abilmente a tornare nella posizione iniziale senza conseguenze al proprio velivolo. Grazie a quest'ultimo atto (sconsideratamente vincente...) potete capire che ogni core di energia

ha 20/20 HP  e ogni Torretta a protezione di esse 50/50 HP. Ne avete fatte fuori 2/4]

 

[Notate che due delle barriere della Bayer iniziano a scomparire, permettendo all'esercito ribelle di avanzare ma...]

 

[Dal centro della Bayer delle creature volanti (esattamente 30) iniziano a comparire quasi come teletrasportandosi.

 

 

Walkure aka Valkirie, Heavy Tech Class S pronte a spargere distruzione. Non sapete nulla di questi Robot.

 

Notate il volto di Michael ben lungi dall'essere spavaldo come prima.

 

Vi rendete conto che il potenziale d'attacco di ste stronze potrebbe compromettere l'intera missione anche distruggendo i core delle barriere.

 

La Bayer suonava il contrattacco.

E voi, ora, cosa fate?

 

[Nel frattempo potete notare Vystfalia in tutta la sua collera, volare diritta verso le 30 Valchirie, in stile kamikaze.]

 

Vystfalia: 死人!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

 

Murasaki:

Murasaki attiva gli scudi e si avvicina alle Valkirie. "Miki chan, cerca le informazioni necessarie, onegai shimasu!"

 

con tono divertito, ma concentrato.

 

"Skov, attrai qualche altro Mecha qui, così posso ruttargli in faccia alle sorelle magus!"

 

Murasaki attiva lo scudo e si avvicina.

 

Miki: AII, Mikki-Scan!

Valkiria Grado B: 60 HP

Attacco base 15 dmg

Attacco potente 60 dmg (1 turno riposo)

15xp

 

Valkiria Grado A: 50 HP

Attacco base 60 dmg

Attacco potente 100 dmg (2 turni riposo)

20xp

 

20 Grado B

10 Grado A

 

Sparse per tre quadranti, pronte ad attaccare i ribelli.

 

Due di grado A verso Murasaki

Una di grado B verso Amalie.

Amalie:

"Ricevuto" dissi prima di rivolgermi alla IA della Dragon "IA, tu hai un nome?" potevo anche chiamarla IA tutto il tempo, mi serviva solo un riferimento preciso per potermi rivolgere a lei "Scansiona il territorio, ci sono altri Mecha?".

Tanto non ero nelle condizioni di andarli a cercare adesso.

Dovevo prima liberarmi di quelle spine nel fianco.

Sparai a quella di fronte a me.

 

[1d4 --> 4! Aggiungo attacco base = 20x2dmg + 20]

 

Non avevo tempo di pensare.

Odiavo essere un una situazione di guerra aperta.

 

Mancavano due torrette, ma erano dall'altra parte.

Potevo farcela?

Se Murasaki mi avesse coperto a sufficienza avrei potuto far crollare le ultime due difese. In questo modo ci sarebbero stati molti più nemici da gestire per la Bayer.

 

"Murasaki, mancano due torrette, liberiamoci di queste spine nel fianco e coprimi, se riesco a buttarle giù dovranno dividersi su ancora più fronti."

 

Ora bisognava solo mettere in pratica la strategia.

 

IA:  

Target: Agganciato

Target: Colpito.

Massimale dei danni.

Valchiria di grado B: abbattuta.

 

Tech nei pressi di Bersaglio 1: 4

2- Torpedo

2 Spinnenbein

 

Tech nei pressi Bersaglio 2 (Più a ovest): 2

- 2 Izan

 

Sono un'intelligenza artificiale, utente_01. Se è tuo desiderio attribuire un nome all'IA è un ordine irrazionalmente valido ma che sarei costretta ad eseguire in virtù delle leggi computazionali che mi sono state attribuite durante la mia fabbricazione.

Il mio nome è il mio modello di fabbrica. Io eseguo ordini.

Questa IA reputa altresì fuorviante in termini di tempo e spreco di risorse attribuire "Delta-Star" a un successo critico delle capacità gestionali dell'apparato offensivo del modello D-Dragon. E' vostro potere cambiare il profilo standard della mia IA, ma sarebbe appunto fuorviante in questa situazione di conflitto.

{La Valchiria B crepa. + 15 XP per D-Dragon}

{Livello 4 Sbloccato! Dragon Breath!}

Informo il gentile utente_01 della disponibilità di 4 bombe  dal grado III° della M-Scale ( Mercalli ) aka 10 Kilotoni.  Invito utente_01 alla massima prudenza nell'uso.

 

Narrazione:

 

[Le Walkure erano inarrestabili. Vystfalia a fatica ne ha uccise un paio, cadendo a terra decisamente indebolita. L'organizzazione della Bayer era impari all'esercito ribelle. Se prima la situazione si potesse

definire in discreto vantaggio per i Ribelli, ora la Bayer stava prendendo il sopravvento con la sua arma segreta, sempre se fosse l'unica. Aida dall'alto del palazzo per un attimo si tranquillizzava, godendosi la scena,

Vittorio annuiva]

 

Aida Bayer: Fayne avrà quasi finito i preparativi, vero Cross?

Sgt Cross: Ja. Manca poco ai preparativi.

Aida Bayer: Das ist Toll.

 

Integrità esercito Bayer: 64 %

Integrità esercito Ribelle: 49 %

 

Finalmente qualcuno di sensato.

"Il prfilo è perfetto così e IA andrà benissimo" dissi prima di rivolgermi a Murasaki.

"Escatologico, ho delle bombe, vado alle torrette, coprimi" erano la nostra unica possibilità di recuperare terreno.

"IA, situazone nemici alle torrette difensive"

La velocità del veicolo era altissima, gli spostamenti sembravano minuscoli.

 

Notai Vystfalya cadere.

Anche l'avessi aiutata mi sarei messa nei guai e perdere la guerra per vincere la singola battaglia era una mossa alquanto stupida.

Inoltre il mio veicolo era monoposto.

Se avessi abbattuto le torrette sarebbero arrivati altri Ribelli e sicuramente avrebbero facilitato la situazione.

 

Spinsi sull'acceleratore diretta alla torretta a me più vicina.

"IA, rilascia una bomba sulla torretta" dissi preparandomi a riprendere quota a lancio avvenuto, per allontanarmi dalla zona critica.

 

L'Escatologico chiuse gli occhi.

Era arrivato il momento di essere serio. "Miki, meti Disappearance of Hatsune Miku... dobbiamo sparire".

Chiuse gli occhi, concentrandosi.

Avrebbe dovuto coprire Amalie? No, avrebbe coperto tutto.

 

Lui era un Lasombra.

Se David lo aveva portato fin lì doveva essere per la sua essenza Lasombra, non per altro. Non che gli piacesse. Gli faceva schifo, a dire il vero.

 

Ma le ombre iniziavano a far parte di lui. Era tempo che lui cominciasse a far parte di esse.

 

Dopotutto era arrivato alla patch 10.0. Lui sarebbe stato il nuovo Escatologista?

 

Mentre Miku cantava, decise che avrebbe rischiato tutto in quel modo. Si recò nel cuore delle Valkyrie. In mezzo a tutte.

 

Si concentrò.

 

Concentrò tutta la sua volontà. Racchiuse i timori, le speranze, le paure.

Immaginò il volto della progenie. Immagazzinò quel dolore, quella consapevolezza che probabilmente non l'avrebbe mai più rivista. Li mise tutti in un buco nero di pensieri.

Attraverso il sangue lo fece divenire ombra e tenebra.

 

Un manto della notte, partiva dal suo petto e si estendeva. Per escludere la vista alle Valkyriae. Avrebbero avuto paura come Miku, dietro quel monitor di silenzio e terrore.

Una volta attivato il manto della notte, un colpo le avrebbe fatte partire. Loro avrebbero fatto il resto. Si sarebbero colpite a vicenda, mentre lui si sarebbe diretto all'altra torretta, quella Nord-ovest.  Sperò con tutto se stesso di non aver scelto una missioen suicida.

Ermetic Secs, [6 mar 2020, 02:36:11]:

{Torretta di protezione 1: 20/50 HP

Core 1 0/20 HP}

 

Target: acquisito.

Bombe: 3/4

Ottimo lavoro, utente_01.

Danni ricevuti, bassi. (15 danni)

 

Core distrutti 3/4.

Rimanenti 1.

 

Descrizione esito azione di Murasaki:

La prima conseguenza del manto della notte di Murasaki fu una fitta coltre d'ombra che avrebbe ricoperto la Sa-2.

Miki: Instabilità. Instabilità. Attenzione. Uorning. Achtung.

 

Le Valchirie venivano quasi come attratte al centro della Bayer.

Una piattaforma si apriva.

 

"FORMAZIONE"

"UNITE"

"HEIL AIDA BAYER" "HEIL AIDA BAYER" "HEIL AIDA BAYER"

"Was...Cosa?"

 

Blanc a fianco di NovAlyson si fermava a guardarlo, immobile, cadendo in ginocchio e divenendo egli stessa ombra, sciogliendosi e sprofondando nella madre terra.

Sia i Tech della Bayer che l'esercito della resistenza si fermarono a guardare lo spettacolo, quasi immobili.

Le valchirie sembravano risentire del potere del Vitae.

 

Urlavano  le Valchirie, alcune di loro, le più deboli pur di evitare di di tastare il significato dell'abisso si autodistruggevano, portandosi le mani sul capo.

La barriera della Bayer era ancora attiva, l'ultimo strato almeno.

 

"AAAAAAAAAAAAAAAAAARG"

 

Le Valchirie.

 

Aida Bayer: Dies ist kein Spiel. Diese IST MEIN KRIEG!!!

 

(Questo non è un gioco. QUESTA è LA MIA GUERRA)

 

Un Mecha gigantesco, lentamente, si ergeva solenne verso il cielo.

Ogni Valchiria veniva attratta ad esso, mescolandosi alla sua magnificenza.

 

Il ghigno di Fayne.

 

Aida, alla vista della sua "Mano d'acciaio" si leccava le labbra compiaciuta.

 

Le Valchirie, quelle ancora vive, divenivano parte integrante della macchina.

Una sorta di gigante di Energy-Carne. Un colosso.

 

Il Generale Fayne, socchiudendo gli occhi compiaciuto poneva le mani sull'acceleratore fotonico del gigante Tech.

 

General Fayne, una volta vicino alla SA-2, dai suoi mega altoparlanti tuonava:

 

 

"CE L'HO IO LA TUA PUTTANELLA, ASIATICO COMUNISTA BASTARDO"

 

General Fayne, 1st FORM: 3500HP

Attacco base 100 DMG

Attacco potente 300 dmg (5 turni riposo)

 

(Gentilmente offerti da lui)

 

General Fayne: COME STAI? E' UN BEL PO' CHE NON CI VEDIAMO?

 

Narrazione:

 

[Il Mecha di carne-Energy avrebbe caricato un attacco potente verso la resistenza a Ovest. Con un singolo colpo avrebbe tranciato metà resistenza a Est della Bayer. I ribelli, a quel punto, non ci stavano capendo più una sega di nulla]

 

 

[Nova si ergeva in cielo, tuonando come un angelo della morte]

"HIJOS DE PUTA, VE LO SIETE DIMENTICATI PERCHE' SIAMO QUI? HEY TU CABRON..."]

 

[Tuonava, l'infernalista]

 

"QUELLO SARA' PURE UN GIAPPONESINO DEL CAZZO, MA PRIMA DI APRIRE BOCCA DEVI BACIARMI IL CULO, PENDEJO. FATTI AVANTI"

 

Act I, part 1, finish.

...

😉

Stiamo perdendo tempo.

ReplyQuote
Posted : 06/03/2020 2:48 am
Share:

Please Login or Register